Rimborsi IVA 2020:dalle Entrate poca… CORTESIA.

Rimborsi IVA 2020:dalle Entrate poca... CORTESIA.

Le contraddizioni e gli accessi burocratici del sistema fiscale italiano sembrano destinati a moltiplicarsi senza soluzione di continuità.

Ci sarebbe poco da scherzare e da ridere ma, tutto sommato, è sempre meglio prendere le cose con una certa tranquillità e allora, riguardo la  richiesta da parte dell’Agenzia delle entrate delle copie di cortesia delle fatture di acquisto da parte di chi  richiede il rimborso IVA,  viene in mente la famosa  “che mi hai portato a fare sopra a Posillipo se non mi vuoi più bene?”, Che diventa qui “che mi hai fatto inviare a fare le fatture elettroniche se poi mi chiedi di esibire la copia cartacea di cortesia?”

Non è difficile immaginare tanti contribuenti imbufaliti e svariati commercialisti oberati da un lavoro che definire carico burocratico dannoso quanto “doloso” è poco.

Considerando che la copia di cortesia ha un valore, in termini giuridici e di ufficialità della transazione, praticamente nullo verrebbe voglia di chiedere all’amministrazione finanziaria a cosa diavolo sia realmente servito varare  la fatturazione elettronica.

Fisco 4.0? Senza voler offendere nessuno diciamo che qui di 4.0 c’è solo la disorganizzazione .

Ancora una volta l’introduzione di un adempimento che già di per sé non pare in grado di risolvere granché in fatto di evasione fiscale (giacché pare che l’intenzione fosse questa)  finisca per diventare addirittura un boomerang per la stessa agenzia delle entrate e soprattutto  un gravame formidabile, l’ennesimo fardello,  per i contribuenti già pesantemente oppressi.

Ancora una volta, in particolare, una prassi operativa, che evidentemente paga il conto  all’affanno ed  alla sostanziale impreparazione dello stesso comparto pubblico, rischia di vanificare i pochi aspetti positivi di una cosiddetta innovazione.

 

 

 

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Rimborsi IVA 2020:dalle Entrate poca… CORTESIA.”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *