Salvini e la rabbia incontrollata.

Categoria:

Descrizione

Capisco bene che la politica è anche e soprattutto, purtroppo, “grandi manovre sulle poltrone”.
Lo è a livello locale, figurarsi in Commissione e Parlamento europeo.
Capisco, ma solo un po’, il disappunto di Salvini perché Sassoli è targato PD.
Detto ciò e premesso che lo stesso PD merita milioni di ciabattate, vedi da ultimo la vicenda Rackete, e aggiunto che sono contrario a quella cosa che si scrive accoglienza ma si legge mercato di esseri umani, dico che Matteo Salvini sta esagerando o forse semplicemente ha perso l’autocontrollo.
Allo stesso modo però, ad esempio, su Repubblica hanno commentato quasi con rammarico il fatto che sia stata scongiurata la procedura d’infrazione.
Ora, mi perdonino i salviniani, mentre degli affezionati del giornale di Barbapapà m’infischio, ma se l’Italia riesce a piazzare il successore di Tajani ed a superare, per ora, il rischio procedura, credo sia solo positivo, quale che sia il colore e per quanto certe “compensazioni” abbiano un prezzo, peraltro normale o inevitabile.
Il leader della Lega non può pensare di ridurre tutto al proprio personale asso pigliatutto. È un pericoloso segnale di immaturità ed è un vero peccato.

Stefano Fioretti

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Salvini e la rabbia incontrollata.”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *